PROTOTIPO

Facilitare il cambiamento di persone e organizzazioni

Di Cecilia Spanu | Founder – Innovation Colors

Chi è Cecilia Spanu?

Sono Cecilia Spanu, founder di Innovation Colors.

Com’è cambiata la visione del lavoro e delle organizzazioni grazie alla certificazione in CHO?

Il percorso formativo CHO ha dato una cornice a molte intuizioni ed informazioni che avevo raccolto negli anni sul funzionamento delle organizzazioni e sulle leve del loro cambiamento.

Mi occupo di supporto al cambiamento, aiuto i manager a trasformare se stessi e le loro organizzazioni.

Il CHO mi ha aiutato a comprendere il legame fra cambiamento della persona e cambiamento delle organizzazioni e a capire come supportare entrambi in modo sinergico.

Terminata la certificazione, qual è stato il focus del tuo primo miglio?

Terminata la certificazione, ho proseguito nella mia attività professionale, che consiste prevalentemente in progetti di consulenza ad aziende di medie dimensioni, basati su due livelli: da un lato percorsi di coaching individuale per capi d’azienda (imprenditori e manager) per supportarli nella loro trasformazione personale, e dall’altro percorsi di formazione e team coaching per i loro leadership team.
Per entrambi i livelli ho utilizzato i modelli della Scienza della Felicità e delle Organizzazioni Positive come schema di riferimento.

E la formazione ottenuta mi ha reso più solida nelle mie basi teoriche e mi ha dato strumenti concreti per supportare i miei clienti.

Quali sono state le principali difficoltà o gli ostacoli che hai incontrato e come li hai superati?

Dato il mio temperamento entusiasta e appassionato, una prima iniziale difficoltà per me consisteva nel “volere tutto subito”, cioè nel pensare di poter accelerare dall’esterno il processo di cambiamento delle persone e delle organizzazioni, ma mi sono resa velocemente conto che la “regola dell’X+1” era molto liberante:

partendo dalla presa di consapevolezza di come siamo, va fatto un passo alla volta, senza strappi in avanti.

Quali sono gli effetti positivi, le lezioni apprese o i primi risultati che hai già rilevato?

Nei progetti che si sono conclusi, ho toccato con mano una maggiore efficacia dei miei interventi: ho visto coachee smossi e trasformati, incamminati sul loro percorso personale di ricerca della felicità come competenza, ho visto team che hanno costruito rapporti di fiducia e hanno iniziato a lavorare meglio.

Quali sono i prossimi passi?

Molti clienti stanno confermando i loro progetti per il futuro, sono felice di poter proseguire con Innovation Colors su questa strada di supporto alla trasformazione delle persone e delle organizzazioni.

Cosa vorresti raccontarci tra un anno?

Tra un anno vorrei poter raccontare che i cambiamenti attivati nei miei clienti si sono “consolidati” anche dopo il termine dei progetti fatti insieme.

E vorrei poter raccontare che le aziende mie clienti sono diventate “case history” di organizzazioni positive italiane che hanno vinto le sfide poste dall’emergenza covid puntando sulle persone e sul ri-orientamento della loro strategia sulla Felicità.

Archivio Prototipi

Happiness School

Di Michelangelo Marino

Eco-life: la felicità sostenibile

Di Mirella Facchinetti

KaleidoHUB: insieme per risplendere

Di Alessandra Scomparin e Eva Martini